venerdì 25 novembre 2011

Il "buon" Nimorazan: parte seconda

presa da qui
Il piano ideato da Melodia e Adram era molto semplice: "prima li troviamo, poi offriamo loro da bere fino a che sono "spolpi", poi li "sacagnamo" di botte e li leghiamo". Trovati gli amici alla taverna gnomo blu, la prima parte del piano era conclusa. la seconda è andata molto bene, in quanto Khaless e Norwin hanno bevuto davvero molto, tanto da non reggersi in piedi. Probabilmente si sarebbe addormentati velocemente e si sarebbe potuto legarli con facilità, ma che dispiacere rinunciare alla terza parte del piano..il "sacagnarli" di botte!
Portati gli amici in un luogo riparato, mentre Khaless sboccava e Norwin si tratteneva a fatica, è scattata la terza parte del piano. Botte da orbi, Khaless si è ripreso dalla sbornia, ma contro due non ha avuto speranza. Anche Norwin invece è andato giù velocemente incapacitato dall'alcol non prima di aver assestato un buon fendente.
I due amici "maledetti" sono stati legati come salami, ora ai due strateghi non rimane che portarli in un luogo sicuro per effettuare il rituale di rimuovi afflizioni che la maga Helin stava preparando.
Nel frattempo Helin all'eptorre continuava a trascrivere il rituale. Nimorazan passa e la saluta sempre gentilmente e chiede ad Helin di badare ai bambini che lui doveva uscire per una commissione urgente. Tempo 5 minuti e Nimorazan rientra, sveglia i bambini che erano a letto, uno fa i capricci e lo picchia, li sgrida, li prende su ed esce dall'eptorre. Helin continua a trascrivere il rituale. Torna Nimorazan, saluta gentilmente Helin, va nelle sue stanze, urla e torna dalla maga di corsa.."dove sono finiti i miei bambini?"
Helin spiega a Nimorazan che erano usciti controvoglia con lui poco prima, ma Nimorazan non ha mai compiuto ciò. Nimorazan e Helin (che nel frattempo ha interrotto di trascrivere il rituale) escono dalla torre e, cercando tracce, notano delle tracce e una corda lungo il pendio spiovente su cui sorge la torre. Nimorazan non ci pensa sue volte, prende helin sotto braccio e corre di sotto correndo lungo il pendio spiovente. Arrivati al suolo, le tracce si dividono in tre, Helin segue quelle di mezzo e dopo un pò viene attaccata da..Nimorazan.
doppelgänger 
Helin usa fin da subito tutto il suo repertorio più potente e riesce ad avere la meglio contro colui che si rivela essere un doppelgänger. Guarda in giro se vede la presenza dei bambini ma nulla, prende il corpo della creatura con sè e torna indietro. Trova l'eptarca con i due bambini mentre altri due doppelgänger giacciono ai suoi piedi. Il vecchio saggio ringrazia la maga per l'aiuto, però subito dopo la rimprovera di essersi fatta soffiare da sotto al naso i bambini, "una mano lava l'altra" (un vecchio proverbio elfico) "fortunatamente i bambini stanno bene, ma ora sarà il caso di chiudere la torre, tutto questo via vai ha fatto abbassare le mie difese" esclama l'eptarca un pò risentito. "ci rivediamo domani per la copia del tuo rituale, buonanotte!" e il vecchio saggio se ne và contento di aver salvato i "suoi" bambini. La maga guardando il vecchio andarsene con i due bimbi in braccio pensa che tutto sommato la proposta dell'eptarca di rimuovere l'afflizione al paladino era almeno in parte genuina. Certo poi si tratta di discutere se era disinteressata al 2% o al 3%... ma questo è un altro discorso.