martedì 28 agosto 2012

Fuga dall'Avernus

Il cielo era oscurato dalle navi volanti mentre i PG come topi in trappola erano asserragliati all'interno di un'abitazione. L'abitazione non era disabitata, ma i tentativi di contrattazione con i diavoli rifugiati all'interno di una botola non erano andati a buon fine.
Khaless avverte una vibrazione seguita da una forte scossa udita da tutti. Guardando all'esterno Helin scopre che la Cittadella di bronzo si stava trasformando. A partire dalla cinta di mura più interna la cittadella si stava alzando verso il cielo fino ad assumere una conformazione a cono. La Cittadella di bronzo era diventata un'enorme città fortezza a forma di cono con 12 livelli (mancavano solo le dodici case dello zodiaco :-)
La battaglia ha inizio e la cittadella trema, alcune navi dei demoni precipitano colpite, altre invece riescono ad atterrare. Su tutta la cittadella si abbatte una pioggia di palle di fuoco che tutto sterilizza.
Dopo due ore la battaglia si sposta dai cieli alle strade dove diavoli e demoni si affrontano senza sosta. La battaglia prosegue per un intero giorno e poi torna la calma. Le macerie ingombrano le strade, fumi nauseabondi si alzano dalle macerie e lungo le strade pattuglie di diavoli soccorrono gli alleati e finiscono i nemici. La compagnia dell'Alba esce a perlustrare, si avventa su alcuni cadaveri al fine di ottenere dei teschi preziosi ed esplora qualche nave per carpirne la tecnologia. Come dei ratti errabondi per molte ore vaga tra le macerie della battaglia cercando di trovare qualcosa di utile alla fuga. Poi arriva un messaggio mentale di Sad-ham. Due navi volanti del consorzio planare che hanno ricevuto il permesso a salpare arrivano e traggono a bordo gli avventurieri. L'anello di fuoco si accende, la cittadella scompare sotto le nubi di fuliggine. L'Avernus e i 9 Inferi di Baator scompaiono alle loro spalle mentre la nave solca gli infiniti spazi del mare astrale.
La destinazione è Dorea, una città del mare astrale costruita attorno ad una gigantesca roccia a forma di mano. Sad-ham vuole presentare gli avventurieri ad Estevan, l'oni a capo del consorzio mercantile planare. Sad-ham pensa che gli avventurieri possano dare una mano per scoprire come mai i portali che conducono a Sigil un pò alla volta stanno scomparendo e il motivo per cui alcune navi mercantili del consorzio non giungono facilmente a Sigil e scompaiono con il loro carico.
L'incontro con Estevan è stato quantomai interessante, (l'oni incantatore era in grado di capire anche il Comune), ma apparentemente non di parlarlo. Estevan era vestito con un kimono giallo, sorseggiava del te speziato ed aveva modi gentili ed aggraziati. L'oni ha dato agli avventurieri come anticipo un diamante astrale promettendo nel caso compiano con successo la missione un diamante astrale ciascuno. Niente male come offerta, però chissà che rischi. La Compagnia dell'Alba ha 20 giorni per riuscirsi, prima della festa della Porte, una festività molto importante per la città planare.