giovedì 5 febbraio 2015

Passaggio per il mondo cavo

Il Mondo Cavo per alcuni abitanti di Mystara è una leggenda. Si ipotizza che il pianeta sia cavo e sotto alla superficie esista un mondo mitologico e meraviglioso abitato da creature fantastiche. Come per tutte le leggende è difficile distinguere i racconti veri da quelli falsi e gli stessi maghi di Alphatia non sono riusciti a raccogliere prove concrete della sua esistenza.
Almeno fino ad oggi!
Fin dall'alba dei tempi, molte creature sono state create dagli immortali a loro immagine o per il loro diletto, molti della quali si sono rivelate inadeguate a sopravvivere sulla superficie. Per esempio i nani non sono sempre stati come li conosciamo oggi, ma in passato erano un pò più alti e meno resistenti.
Per salvare le creature dall'estinzione, alcuni immortali, tra i quali il dio della conoscenza Ixion, hanno creato il Mondo Cavo. Un giardino segreto (o zoo) dove trasportare gli ultimi esemplari di una razza per impedirne l'estinzione e salvaguardare l'ingegno degli immortali stessi.
Il mondo cavo possiede un sole che ogni 12 ore si spegne e diventa luna, un microclima e zone calde e fredde, tutte regolate dalla magia divina.
Che relazione c'è tra il mondo cavo e le avventure dei Guerrieri dell'alba?

Essendo Mystara isolata dai viaggi planari a causa dell'embargo imposto dal Consiglio di Mystara, l'unico espediente che possiedono i Guerrieri dell'alba per raggiungere il Vestland, è passare per il Mondo Cavo. Infatti il Mondo Cavo non risponde all'autorità del Consiglio di Mystara, ma all'autorità del Consiglio del Mondo Cavo, presieduto da Ixion. Con l'autorizzazione di Ixion gli avventurieri avrebbero potuto raggiungere il Mondo Cavo e in seguito con un normale viaggio tra portali, avrebbero potuto raggiungere il Vestland.
Avendo a bordo della nave astrale tutti i componenti per la risurrezione di Hell, Ixion dette l'autorizzazione e la Mahlhevik II, partì per il Mondo Cavo.
Le direttive erano semplici, rimanere vicino al sole artificiale, non scendere sulla superficie, inviare Helin al collegio di Uppsala di Norrvik per avvisare dell'imminente arrivo di una nave volante ed in seguito, celebrare il rituale di teletrasporto.
In poche ore tutto si sarebbe concluso, salvo imprevisti. E così mentre la maga eladrin era assente, il mago Mahlhevik saltò giù dalla nave e si avventurò nel Mondo Cavo.
La sua assenza non fu subito notata, in quanto Mahlhevik passa molte ore in cabina a leggere e non ama fraternizzare con l'equipaggio.
Kratox e Odar tuttavia, senza Helin a bordo, temevano che la "vecchia cornacchia" avesse secondi fini. Il mago tornò dal suo giro facendo lo gnorri e si sbrigò a teletrasporare la nave a Norrvik. Kratox celebrando un rituale di Oracolo, ottenne le risposte che lo assillavano. Mahlhevik nella sua gita nel Mondo Cavo, aveva trafugato un uovo di una creatura mitologica. Da qualche parte a bordo della nave astrale, gli avventurieri stavano viaggiando con un uovo di Terrasque.