mercoledì 9 ottobre 2013

La partenza di Khaless

Camminando tra i sobborghi della città portuale di Asgard, Khaless incontra un bambino che lo riconosce come paladino di Kagyar. Il bambino lo conduce al capitello del suo dio dove il nano incontra il locale prete, un draconico che dal giorno della distruzione di Sigil è diventato punto di riferimento per pellegrini e dispersi.
I pellegrini (nani, celestiali, alcuni umani e supplicanti) desiderano raggiungere Celestia, compito assai pericoloso come abbiamo potuto constatare dal recente viaggio dei Guerrieri dell'Alba.
Il prete chiede aiuto al paladino: i 92 pellegrini con il prete hanno racimolato 5200 signore, ma non sono sufficienti a pagare loro il viaggio, infatti i capitani delle navi ancorate al porto chiedono circa 100 signore a passeggero. Khaless prende a cuore la sorte dei dispersi e si offre di intercedere per loro presso i capitani ed anche di proteggerli lungo il viaggio.
Con l'aiuto di Melodia, il nano riesce a trovare una nave disponibile a dare un passaggio per 8200 signore, la differenza di 3000 la colmerà Khaless. La nave non è grandissima ed è necessario stringersi, partenza in 3 giorni dopo aver fatto provviste.
Il nano rimarrà in contatto con Helin tramite il rituale di "inviare messaggio".
Non appena raggiungerà Celestia e porterà a termine la missione, il gruppo proverà a riunirsi.
I Guerrieri dell'Alba perdono così un importante membro del gruppo. Dopo aver ricevuto dai chierici di Thor l'equipaggiamento promesso da Odino, la Splelljammer viene equipaggiata con le provviste necessarie a viaggiare verso le terre esterne.
Obiettivo: risalire la guglia per determinare se l'essenza della Signora del Dolore è ancora presente.