sabato 17 novembre 2012

Il contenuto del baule

Il tiefling non sembrava sorpreso di vedere ancora gli avventurieri. Astroh stava chiudendo il banchetto di foglie (le chiavi per il piano elementale del legno) ma sperando in un altro affare attese l'arrivo dei mercanti planari di frecce come gli aveva fatto credere abilmente Melodia il giorno precedente. Al tiefling mancava qualche venerdì e sicuramente non era una cima e fu subito chiaro sia a Melodia e sia a Helin che il mercante di foglie era solo una pedina. Melodia abilmente riuscì a spillargli qualche informazione. La domanda principale che assillava gli avventurieri era scoprire come mai vi fossero due foglie/chiavi differenti per il piano elementale del legno e come mai una di queste portava al semipiano dell'acero rosso. A convincere Astroh di vendere foglie di acero rosso ai mercanti del consorzio planare è stato Fedis Crale, l'oni che Estevan aveva indicato agli avventurieri come una persona fidata che li avrebbe aiutati a raggiungere Sigil.

Riassumendo, Fedis Crale, il contatto raccomandato da Estevan, aveva convinto il mercante di foglie Astroh a vendere sottocosto delle foglie di acero rosso a tutti coloro che sembravano mercanti del consorzio planare che fossero diretti al piano elementale del legno. Secondo il tiefling, finora aveva distribuito 20 foglie di acero rosso.
Increduli della scoperta, su consiglio di Helin invece di procedere diretti da Fedis Crale, la Compagnia dell'alba ritornò al semipiano dell'acero rosso per scoprire il contenuto del baule "fumogeno". Secondo la maga infatti sia la lanterna che il baule dovevano essere chiavi di attivazione di qualche portale ed aveva intenzione di scoprire dove portassero per raccogliere informazioni sui possibili mandanti dell'agguato ad opera dei ciclopi.
Arrivati al semipiano tutti notarono che i corpi dei ciclopi erano stati rimossi, qualcuno era passato di li a ripulire la zona dalle tracce...Aprendo il baule, nebbia nera si espanse tutto attorno, il cielo si oscurò e piombò la notte. Una delle pareti di pietra del canalone tuttavia risplendeva, ecco il passaggio. Al di là si intravvedeva un magazzino, quello era il retrobottega del negozio di Fedis Crale. Attraversato il portale però non fu trovata traccia dell'Oni e il negozio sembrava abbandonato. Usciti dal negozio gli avventurieri si ritrovarono nuovamente a Porta del Commercio e ritornarono dal treant di nome Pastore per informarlo degli ultimi avvenimenti. Melodia riusci tuttavia ad ottenere una preziosa e nuova informazione. La chiave con il simbolo di foglia che aveva venduto loro Fedis Crale (come chiave che li avrebbe portati a Sigil) era falsa. Quella chiave era un possibile nuovo agguato nei loro confronti!