domenica 13 gennaio 2019

PG caratterizzati per The Curse of Strahd

Da tempo una idea malsana frullava nella testa del master. Di soppiatto avete gettato l'occhio nel suo zaino ed avete scoperto tra gli appunti un titolo inquietante: The Curse of Strahd.
Cercando sul web avete trovato interi articoli che ne parlano e che trattano su come sconfiggere i vampiri, i mannari ed altre creature fastidiosissime.
Consultando il profilo FB del vostro master lo scoprite in pose inquietanti, con i canini scoperti oppure intento a sorseggiare vino rigorosamente rosso sangue.
Infine vi arriva la comunicazione ufficiale: preparatevi un PG nuovo, state per entrare nel reame del terrore.
Panico! In chat con gli amici vi dividete i ruoli, chierici del dio della morte, maghi necromanti, paladini vendicatori e warlock blasfemi, religione e arcano pompati al massimo, costituzione alta, sottoclassi semiufficiali, multiclasse spinto e armi magiche ignote.
Tranquilli, di tutto ciò non c'è bisogno, The Curse of Strahd è un altro genere d'avventura.

STILE DELLA CAMPAGNA

Prendetevi 5 minuti e leggete la mia recensione di The Curse of Strahd.
Vi riassumo qui lo scopo dell'avventura: NON E' UCCIDERE STRAHD ma esplorare la Barovia e conoscere i suoi tormentati abitanti. Una volta ucciso il principe vampiro, l'avventura perde di mordente.
Non solo, se si recuperano tutti gli oggetti della caccia al tesoro di Madame Eva, lo scontro con Strahd si concluderà quasi sempre con la sconfitta del principe, salvo potenziamenti del master.
La prima cosa che dovete fare quindi è mettervi d'accordo con il master.
Volete giocare un'avventura fedele a come è stata concepita oppure una supereroistica in cui il sangue dei vampiri scorre a fiumi?
Nel primo caso, esplorerete furtivamente la Barovia, conoscerete i suoi tormentati abitanti, combatterete il giusto, il master terrà nemici bilanciati senza sforzo.
Nel secondo caso, il master personalizzerà pesantemente ogni scontro, aggiungendo nemici su nemici e potenziando le caratteristiche di tutti i nemici.
Questo secondo caso avverrà anche nel caso i vostri PG saranno ottimizzati al combattimento. Per offrirvi delle sfide avvincenti, dovrà potenziare tutto e rendere tutto molto più mortale. Ne vale la pena?
Non sta a me giudicare come vi piace giocare scegliete voi.
Io del resto, come master, non sono interessato a darvi la ricettina con punteggio abilità o conformazione gruppo medio, ne di quale caratteristiche avere per superare il 20 con ogni tiro caratteristica.
Ciò che scriverò di seguito sono spunti per caratterizzare i vostri PG e fonderli meglio con l'ambientazione di questa meravigliosa avventura, proponendo anche degli handicap.

ELEMENTI DA CUI TRARRE SPUNTI

Vino
Il vino è la linfa vitale della Barovia. E' la via di fuga da una realtà priva di soddisfazione, è uno dei pochi piaceri che hanno i baroviani ed alcuni di loro per del vino buono sono disposti ad uccidere. Dimenticate pertanto lo stereotipo dell'avventuriero che entra nella taverna per bere spumeggianti boccali di birra. Qui si beve vino e quindi cercate di adattarvi fin da subito.
Un PG amante del vino è indicato, un esperto di vino o vignaiolo meglio ancora, un alcolizzato marcio è perfetto.
Vi sono 3 varietà di vino, chiedete al master se il vostro PG può essere venuto in contatto del raffinato Champagne du le stomp.
Viaggiare ubriachi con relativi malus è performante, avete il coraggio di provare?

Zingari
Solitamente gli zingari sono visti di cattivo occhio, ed anche qui in Barovia lo sono. Tuttavia i Vistani sono zingari che appartengono alla tradizione romantica dell'essere liberi ed appartenenti ad una minoranza culturale.
Non potete avere un PG Vistani senza rovinarvi tutte le sorprese, ma qualche altra etnia imparentata con i Vistani, può essere un ottimo aggancio per viaggiare lungo le strade della Barovia.
Per esempio come zingari potete essere anche artisti da strada, saltimbanchi, giocolieri, oppure donne barbute, nanetti, (nel senso di veri e propri umani, ma nani di statura).

Freak
Invece di interpretare il solito paladino biondo e con la spada sfavillante, perché non pensate ad essere dei Freak? Riprendendo un sottotema lanciato più sopra, potreste essere un nanetto, uno zoppo, una donna barbuta, un contorsionista zoppo, equilibrista strabico, fenomeni da baraccone, chiromanti e truffatori vari.
Spaziate con la fantasia e trovare il vostro modo per essere Freak, vedrete che a Krez avranno posto per voi.

Tormenti interiori
Tutti i PNG, anche i più buoni, sono tormentati o hanno un segreto o stanno compiendo delle azioni che possono essere positive o negative a seconda dei punti di vista.
Perché non avere dei PG con dei tormenti? Ne tutti chiari, ne tutti scuri, con molti dubbi, tormentati dal passato e insicuri sul presente. Abbandonate la luce, scansate le tenebre, vivete nella penombra, il non luogo dove tormentarvi e deprimervi all'infinito, esattamente come il principe della Barovia.

Follia portami via
Chiedete al vostro DM di tirare sulla tabella della follia (DMG) e prendete ciò che il dado ha stabilito per voi e rendetelo permanente(non rimovibile con incantesimo contrariamente a quanto scritto). Nel reame del terrore starete in buona compagnia.

Rimuovere il complesso del salvatore
Per quale motivo gli avventurieri devono sempre risolvere i problemi? Per una volta vogliono assistere a ciò che accade e godere dello spettacolo.
Questo è un approccio interessante anche se non credo sia utilizzabile in tutta la campagna, a meno di vivere da spettatori fino alla fine della propria vita.
Sicuramente può essere adatto ad una seconda "rigiocata". in questo modo eviterete di rifare alcune quest obbligate mentre il master fantasticherà molto...

PATTO COL MASTER

Bene, se avete caratterizzato bene i vostri PG (magari con qualche handicap) ed avete scelto di giocare un PG per divertirvi e non per "tegare" il passo successivo è ri-parlare col vostro master e vedere se è allineato con la vostra scelta. Viceversa se siete master e non volete condurre una campagna cappa e spada chiedete ai vostri giocatori di investire in queste caratterizzazioni.
E' indubbio che un giocatore veterano ed amante del Role Play possa caratterizzare un pg anche senza fare nessun patto col proprio master. Il mio consiglio però è di parlarsi sempre prima.
Veder morire il proprio pg caratterizzato bene alla prima battaglia non fa piacere a nessuno, nemmeno se siete amanti del dado e seguaci del caos.
E' inutile che facciamo le verginelle, se i PG muoiono come mosche, è impossibile portare avanti ogni storyline. Un punto d'incontro si deve trovare sempre.

Allora siete pronti per iniziare col vostro nuovo Pg, Chierico3/Barbaro3/Guerriero3/Ranger3 ?
Spiacenti, l'avventura è per PG dal 3° al 10° livello, vi conviene rifarvi il personaggio :-D

Nessun commento:

Posta un commento