mercoledì 3 agosto 2011

Il Fato di Emil Doepler

5 di Flaurmont
Il Jarls Emil Doepler dopo aver ricevuto l'ordine di lasciare Bergen per dirigersi a Norrvik, ha organizzato un carro con una scorta armata per il viaggio.
Il Carro è partito a metà mattina con il jarls chiuso all'interno protetto da sguardi indiscreti con due servitori come accompagnatori.
A 1 miglio di distanza nello stesso istante Emil Doepler, quello vero, chiuso all'interno di un cerchio di teletrasporto con due casse d'oro, attendeva che il rituale fosse ultimato per andarsene molto lontano dal Vestland.
Il rituale con destinazione l'Ostland però non funzionò, dai dietro gli alberi emersero, Lit, Stark, Michael, Thors l'uccisore e Astrior Ottar che aveva fermato il rituale.
Dopo una breve scaramuccia con il mago che fu catturato vivo da Stark, Emil Doepler si consegnò nelle mani del Comandante della Guardia Nazionale.
Quel suo tentativo di fuga e quelle due casse piene di lingotti d'oro erano già una importante indizio di colpevolezza, per lui il destino avrebbe riservato una disonorevole morte, solo il quando era incerto.
6 di Flaurmont
Il Mago catturato assieme a Doepler rivelò che era stato pagato da alcuni uomini dell'Ostland per inviare Doepler verso un'imboscata. Ironia della sorte, venire catturato ha salvato la vita a Doepler.
Doepler fu interrogato tutto il giorno dal Consiglio Reale a porte chiuse.
Al termine della giornata usci il siniscalco. Hring firmò il nuovo messaggio che gli strilloni avrebbero urlato l'indomani e i giorni successivi: “udite udite, il Re ordina che il Jarls Emil Doepler per aver tramato contro il regno perderà il suo rango e i suoi privilegi. Rimarrà rinchiuso nelle segrete fino al 10 di Flaurmont. Il 10 di Flaurmont a solealto il fu Jarls Emil Doepler sarà giustiziato nella piazza del castello”.